Licenza Creative Commons
Questo/a opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia .

Translate

Montorio è una frazione del comune di Sorano, Il borgo di Montorio è situato nell'entroterra collinare della Maremma grossetana, all'interno di un territorio noto come area del Tufo. Il paese si trova a circa 10 km dal capoluogo comunale, rispetto al quale è ubicata verso nord-est, lungo la strada che dal capoluogo conduce a Castell'Azzara. Montorio dista circa 90 km da Grosseto.La località sorse in epoca medievale come possedimento della famiglia Aldobrandeschi, che vi costruirono una rocca. Il controllo del centro passò nel corso del XIII secolo ad una dinastia di signori locali legata agli Aldobrandeschi, gli Ottieri, che furono protagonisti di un'intensa attività diplomatica collaborativa verso i vicini stati confinanti. Tutto ciò permise agli Ottieri di venire a capo dell'omonima contea che, con il tempo, andò ad includere anche il castello di Sopano, San Giovanni delle Contee e Castell'Ottieri che ne divenne in seguito la capitale. Gli accordi stipulati con Siena durante il XIV secolo misero al riparo Montorio dalle mire espansionistiche orvietane; nella seconda metà del XVI secolo, dopo la caduta della Repubblica di Siena, furono effettuati accordi con i Medici che garantirono l'indipendenza alla contea fino al 1616, anno in cui ci fu l'annessione al Granducato di Toscana, a seguito dell'estinzione della famiglia Ottieri che controllava Montorio e i vicini centri




la Cappella di Santa Maria La cappella di Santa Maria è un edificio religioso situato a Montorio, presso l'omonimo castello, nel territorio comunale di SoranoLa piccola chiesa venne edificata nel corso del XIX secolo, in sostituzione dell'antica canonica di origini medievali. L'antica pieve di Santa Maria svolgeva unicamente le funzioni pievane, essendo stata per lunghissimo tempo il luogo privato di preghiera della famiglia Ottieri. Dopo un lungo periodo di degrado che seguì la caduta politica della Contea degli Ottieri e il conseguente spopolamento della zona, l'antica pieve venne a trovarsi in condizioni precarie, tanto che nel XIX secolo venne preferito l'abbattimento e la costruzione di una nuova piccola chiesa, ad un tentativo di restauro che sarebbe stato molto difficile e costoso. Tuttavia, lo stile neogotico che venne scelto ben si integra con gli elementi stilistici e le atmosfere medievali del castello di Montorio.La cappella di Santa Maria si presenta ad aula unica, in stile neogotico, con breve transetto e piccolo abside. La facciata principale presenta il portale d'ingresso preceduto da una breve gradinata, sovrastato da un arco a sesto acuto che racchiude una lunetta dove è collocato uno stemma; al di sopra vi si apre un caratteristico rosone a raggiera. La parte sommitale presenta un coronamento decorativo che si adatta al tetto a capanna, poggiante ai due lati su mensole che racchiudono archetti ciechi e culminante, nella pate centrale, con una croce. L'interno si presenta semplice, con decorazioni risalenti al XIX e al XX secolo. Lungo i fianchi laterali si aprono monofore con archi a tutto sesto, che aggiungono elementi di tipo neoromanico. All'esterno della chiesa si trova un pittoresco giardino lungo il fianco laterale destro.